Il personaggio:Jesse Owens

Berlino 1936, Adolf Hitler è diventato Presidente della Germania da qualche anno e il suo partito è diventato l’unico partito del paese, la dittatura di Hitler si basava sulla conservazione della “razza pura” a discapito di tutte le altre etnie. In quello stesso anno un 23enne afroamericano si allenava duramente per partecipare alle olimpiadi di Berlino che si dovevano tenere sotto lo sguardo vigile del Furher. Jesse Owens partecipò alle olimpiadi e il risultato fu uno schiaffo in faccia a tutte le ideologie e gli ideali senza fondamenta del Partito Nazista. Owens vinse 4 medaglie d’oro e realizzò due record mondiali oltre a un record olimpico, tutto questo in un paese antisemita che si preparava a iniziare una guerra che avrebbe portato morte e distruzione ovunque; Jesse Owens era la prova del fatto che “razza pura” era ub concetto profondamente sbagliato, lo sport insegna il rispetto di tutti e il fair play e in quelle olimpiadi un 23enne nero americano ha provato ad insegnare al dittatore tedesco una lezione che probabilmente, se solo l’avesse capita, avrebbe salvato la vita a milioni di persone. Ovviamente Hitler non capì la lezione e continuò per la sua strada fino alla fine, Jesse Owens morì nel 1980 felice per essere entrato nella storia dello sport.

Annunci

3 pensieri su “Il personaggio:Jesse Owens

  1. Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
    e fui contento, perché rubacchiavano.

    Poi vennero a prendere gli ebrei
    e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

    Poi vennero a prendere gli omosessuali,
    e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

    Poi vennero a prendere i comunisti,
    ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

    Un giorno vennero a prendere me,
    e non c’era rimasto nessuno a protestare.
    — Bertolt Brecht

    Liked by 1 persona

  2. Il post è azzeccato … La foto riporta il mitico ’68 a Città del Mexico con Tommie Smith e John Carlos. Per quel pugno alzato e quel guanto nero ci rimisero la medaglia. E la lotta contro l’apartheid continua ancora adesso.
    ps: ottimo suscitare il ricordo di eventi storici di così rilevante importanza.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...