Generazione Whatsapp

“Doppia spunta”, “sta scrivendo”, “nomina amministratore”, tutte queste frasi non hanno senso ma se le inserisci in un contesto specifico come ad esempio una delle applicazioni più usate nel mondo ecco che allora subito si riescono a capire i concetti scritti precedentemente. Per la Generazione Whatsapp queste sono frasi fondamentali: leggi e non rispondi ? Sei quasi un criminale; stai registrando l’audio e poi smetti ? Che diavolo ti è successo ?!?! Forse sei svenuto ?; mandi una video di 4 minuti ? Ma come ti è venuto in mente !?!? Me la paghi tu l’offerta di giga il prossimo mese. Insomma per chi vive con whatsapp sempre acceso è necessario saper destreggiarsi con il tempo perchè le chat sono molte e i gruppi ancora di più e evitare una serie di insulti per non aver risposto è un’impresa. Whatsapp aiuta, semplifica e rende più veloce la pianificazione di appuntamenti di ogni genere ed è in effetti una buona applicazione ma il punto è un altro: il mondo va sempre più veloce ed è sempre più frequente trovare applicazioni che facciano il lavoro che non si ha più voglia di fare, la domanda è: che tipo di generazione ci sarà dopo questa ? Come saranno ulteriormente semplificate le vite dei nostri figli ? La mia paura è che la pigrizia rende deboli e facilmente condizionabili, spero che la società futura riesca a farsi aiutare dalle nuove tecnologie senza diventarne schiavo.

Annunci

2 pensieri su “Generazione Whatsapp

  1. Dobbiamo offrire ai nostri figli, quando sono molto piccoli, cioè quando devono compiere i passi fondamentali per sviluppare certe abilità il tempo e gli strumenti per poterle padroneggiare. Solo in un’età più matura avviciniamoli alla tecnologia. Lasciamogli il momento sacro in cui impilare cubi e dadi, in cui ricostruire facili puzzle, “leggere” libri morbidi, pedalare col triciclo e il monopattino. Poi ci sarà anche il momento del telefonino e del tablet, senza esagerare. La tecnologia non ha nessuna connotazione malvagia, bisogna usarla, non esserne usati!

    Liked by 2 people

  2. Bel post: hai perfettamente ragione! Le mie figlie, nate all’inizio degli anni 80, si sono munite di cellulare quando avevano 19/20 anni e allora il Cell “faceva solo il cell”!!!
    Ora, invece, la situazione è davvero precipitata e risulta veramente delicato gestirla…
    Il mio nipotino ha 18 mesi e, quando viene da noi, mi acchiappa il tablet e pretende che io digiti il codice. Poi lo chiude e avanti così, come un gioco, per 6 o 7 volte!

    Mi immagino gestire il tutto fra una decina di anni….Comunque, come suggerito da Silvia cavalieri, nel commento precedente, anche noi si cerca di distrarlo, per ora, leggendogli libretti e procurando giochi “intelligenti”…..😂😂 Staremo a vedere!!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...